La Festa dei 30!

Stamattina mille palloncini rossi a forma di cuore con il segnale dei 30 km/h sono apparsi agli ingressi della città: è la Festa dei 30, organizzata da Centro Antartide in collaborazione con WWF Bologna e Salvaciclisti, l’evento di guerrilla marketing che accompagna la conclusione dei lavori di installazione di 34 “bolloni” dipinti sull’asfalto con il segnale stradale a tutti gli accessi del centro storico di Bologna. A ricordare che diminuire la velocità non è solo un obbligo del codice della strada ma è un gesto di rispetto verso pedoni e ciclisti, perché aumenta la loro sicurezza specialmente in queste aree dove la convivenza con le auto e le moto è più stretta. Un lancio anche per la campagna nazionale Siamo Tutti Pedoni che partirà nel mese di ottobre.

Chi è entrato in centro questa mattina si è imbattuto a sorpresa in vistose installazioni di palloncini rossi a forma di cuore che riportavano una versione giocosa del limite dei 30 km/h: sono apparsi a centinaia ai principali accessi di Bologna all’alba , a conclusione dei lavori, in corso dalla metà del mese scorso, che hanno visto apparire sul manto di 34 diverse vie di Bologna dei bolloni che riportano il segnale stradale. Cuori per ricordare che viaggiare a 30 kilometri all’ora, dentro le mura, non solo è un obbligo del codice della strada, ma è anche un gesto di rispetto e affetto verso pedoni e ciclisti, che migliora sensibilmente la qualità della loro vita in città e dei loro spostamenti.

Il centro storico è infatti la più grande “zona 30” esistente a Bologna, ma troppi cittadini non ne sono consapevoli. Per questo il Centro Antartide, SalvaCiclisti e WWF Bologna, con il sostegno del Comune di Bologna nel contesto delle attività della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, hanno voluto ricordarlo ai bolognesi. Un lancio, questo, per la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada Siamo Tutti Pedoni. Un appello reso ancor più attuale dai dati recentemente diffusi sulla sicurezza stradale in città che evidenziano come, a fronte di un complessivo calo delle vittime sulla strada, i pedoni e i ciclisti coinvolti in incidenti stradali sono in aumento. 

I 30 km/h permettono ai diversi mezzi di trasporto di utilizzare gli stessi spazi con meno rischi, senza compromettere la velocità di spostamento complessiva: nei centri abitati, infatti, la velocità media è inferiore ai 30 km/h, basta controllare il proprio computer di bordo per rendersene conto. A 30 km/h le probabilità di un pedone di sopravvivere in caso di investimento sono del 90%, mentre già anche solo ai 50 km/h le probabilità scendono al 30%. Senza contare che velocità minori ma costanti, senza accelerate e frenate continue, comportano una riduzione dello smog, del rumore e dei consumi energetici dei veicoli. In altre parole, migliorano la vivibilità del nostro centro.
"Il rispetto della velocità dei 30 km/h – commenta l'Assessore alla mobilità Andrea Colombo – è importante per rendere effettivamente il centro storico sempre più una zona in cui pedoni e ciclisti possono girare e attraversare in sicurezza, anche nelle strade dove è ammesso il transito degli autorizzati ZTL. Con i nuovi segnali di formato maxi e con questa azione colorata promossa dalle associazioni col sostegno del Comune vogliamo dunque richiamare automobilisti e motociclisti al rispetto di una regola di civiltà esistente da decenni, forse un po' dimenticata, ma fondamentale per avere un centro più vivibile e sicuro per tutti, a partire da anziani, bambini, disabili e da chi si muove a piedi e in bicicletta"
La Festa dei 30 rientra nell’ambito della campagna Siamo Tutti Pedoni, per la sicurezza degli utenti deboli della strada, a cui aderisce anche il Comune di Bologna e che partirà alla fine del mese di ottobre www.siamotuttipedoni.it .

 

Guarda la gallery su Repubblica.it

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee