Vacanze Coi Fiocchi 2014

Lo sapevi che un impatto in auto a 50 km/h equivale a una caduta dal terzo piano? E che guidare con le mani impegnate dal telefonino è come mettersi al volante dopo tre bicchieri abbondanti di lambrusco? Sono alcune delle informazioni contenute nel colorato pieghevole di “Vacanze Coi Fiocchi”, la campagna nazionale per la sicurezza sulle strade delle vacanze, che centinaia di viaggiatori hanno ricevuto stamattina sulla rete autostradale italiana, tra caselli, aree di servizio, punti Blu e aree di cortesia, mentre raggiungevano le località di villeggiatura. Sulla copertina la tradizionale immagine di Snoopy, e all’interno i messaggi dei testimonial, alcuni dati e consigli per intraprendere un viaggio sicuro. Il tutto in italiano e in inglese, per non dimenticare i tanti turisti. Un’iniziativa di sensibilizzazione che torna grazie al Centro Antartide per il 15esimo anno consecutivo perché, nelle parole dello storico padre nobile dell’iniziativa Piero Angela, anche se molto è stato fatto, come “dimostra la costante diminuzione dei morti sulla strada negli ultimi anni, molto resta ancora da fare”. Più della metà degli “incidenti” che si verificano sulle nostre strade, infatti, sono causati da un mancato rispetto delle regole: e sono proprio i mesi estivi quelli in cui si registrano più tragedie stradali, più pericolose e quelle con più vittime.

Non resta allora che continuare l’attività di sensibilizzazione, come hanno fatto a partire da stamattina, con il supporto dei gestori delle diverse reti autostradali, i volontari delle associazioni di tutta Italia insieme con le istituzioni, come il sindaco di Cesena Paolo Lucchi presente personalmente al casello a distribuire i materiali con l’Assessore alla Mobilità Miserocchi, o Alfredo Gennari, Assessore alle Infrastrutture della Provincia di Reggio. L’invito è “ad accendere il cervello ancor prima del motore”: ricordandosi di rispettare i limiti di velocità, di dare la precedenza, di ridurre i fattori di distrazione o di stanchezza, di osservare le distanze di sicurezza, di assicurare bambini e bagagli e controllare il buono stato di veicolo e gomme. Ce lo ricordano, con l’abituale stile leggero e accattivante anche grazie alle vignette delle più famose matite italiane, centinaia di aderenti tra istituzioni, associazioni, società autostradali, aziende sanitarie, dalla Sicilia alla Valle D’Aosta. Sono decine anche le radio e i media che trasmetteranno lo spot di Piero Angela e gli altri contenuti, mentre tanti altri testimonial stanno partecipando con i loro messaggi visibili sul pieghevole e sulla pagina Facebook: da Patrizio Roversi alla giornalista e presentatrice Tessa Gelisio, dalla campionessa mondiale di nuoto Martina Grimaldi agli attori di un posto al sole, dalla comica Maria Pia Timo a Federico Taddia.
Molti di loro hanno già mandato una foto alla pagina Facebook in diretta dai loro viaggi o dai luoghi delle vacanze con il cartello #VacanzeCoiFiocchi e #DaiUnPassaggioAllaSicurezza : l’invito a inviare immagini a sostegno di questa causa, per attirare l’attenzione sul tema delle vittime sulle strade delle vacanze, è rivolto a tutti gli aderenti e i simpatizzanti che possono pubblicarle sui loro profili social con l’hashtag ufficiale #VCF14 o inviarle direttamente alla pagina Vacanze Coi Fiocchi.
La campagna, che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è promossa dal Centro Antartide e dall'Osservatorio per l'educazione stradale e la sicurezza della Regione Emilia-Romagna, inizia in questi giorni e terminerà a settembre.

Scarica il pieghevole


Per maggiori informazioni www.vacanzecoifiocchi.it

Pagina Facebook: www.facebook.com/vacanzecoifiocchi

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee