“Due ruote, una vita”, il Centro Antartide con la Regione Emilia-Romagna per la sicurezza dei motociclisti

due ruote e una vita
Il Centro Antartide cura la relazione con i partner e la distribuzione del materiale di sensibilizzazione della campagna “Due ruote, una vita”, promossa dall’Osservatorio per l’educazione stradale e le sicurezza della Regione Emilia-Romagna con l’obiettivo di ridurre gli incidenti stradali che coinvolgono i motociclisti in regione. La campagna nasce da un’evidenza allarmante: mentre negli ultimi 10 anni il numero complessivo dei morti e dei feriti sulle strade si è praticamente dimezzato, altrettanto non si può dire per la categoria dei motociclisti.

Infatti oggi il 25% delle persone uccise o ferite in incidenti stradali, in Italia ed anche nella nostra regione, viaggia in sella a una moto (nel 2001 erano 1 su 10). In un incidente stradale su tre è coinvolto un motoveicolo e una vittima della strada su tre muore in un incidente in cui è coinvolto un tale veicolo. Nelle strade urbane addirittura l’87,5% degli incidenti coinvolge un motoveicolo. I mesi in cui la mortalità dei motociclisti è più elevata sono ovviamente quelli estivi, in cui più frequente è l’utilizzo delle moto. La fascia di età in cui si concentra il maggior numero di decessi è quella dei giovani adulti, tra i 30 e i 44 anni, e ben 9 vittime su 10 sono uomini. Nel 2010 in Emilia-Romagna su 401 morti sulle strade 111 sono stati motociclisti (l’80% di loro in scontri tra più veicoli), 6173 i feriti.

La comunicazione della campagna ha quindi l’obiettivo di far comprendere a tutti gli utenti della strada che chi va in moto è molto vulnerabile. I motociclisti sono ovviamente i primi  a dover prestare maggiore attenzione alle regole, adottando comportamenti responsabili ma sono fondamentali anche maggiore consapevolezza, conoscenza delle caratteristiche dei singoli mezzi e rispetto da parte di tutti coloro che condividono le strade: automobilisti, scooteristi, ciclisti, pedoni ed autisti di mezzi pesanti.

“Sulla strada usiamo la testa” è il messaggio di fondo presente in tutti gli strumenti utilizzati dalla campagna: il depliant, i manifesti “Salviamoci la pelle” e “Testa o Croce?”, ad alto impatto emotivo e distribuiti nei Comuni, ASL, Prefetture, Motorizzazioni, Polizia Stradale e nei Motoclub dell’Emilia-Romagna, e la cartolina “Born to be wild”, dedicata ai ragazzi delle scuole superiori per parlare a chi salirà in moto domani.

 

Oltre ai manifesti e alla cartolina la campagna raggiungerà tutti tramite spot audio trasmessi da emittenti radiofoniche locali.  Inoltre “Due ruote una vita”, per tutto il 2012 e sino alla primavera del 2013, toccherà tutte le province dell’Emilia-Romagna per andare là dove batte il “cuore”dei motociclisti. In particolare sarà presente ad alcune manifestazioni del Trofeo Turistico Regionale FMI e ai più prestigiosi eventi motociclistici internazionali in programma in Emilia-Romagna, quali le prove di Superbike in regione e il World Ducati Week a Misano Adriatico, dove presso il punto informativo della campagna saranno distribuiti i depliant dell’iniziativa e si ricorderà a tutti di “usare la testa”.

Partner della Regione nella campagna sono la Federazione Motociclistica Italiana – Comitato Regionale Emilia-Romagna, che offre ospitalità presso i propri motoraduni; la Fondazione Ducati, che ospiterà nei propri eventi il punto informativo della campagna; Shell Italia, che metterà a disposizione le proprie stazioni di rifornimento per la distribuzione dei materiali della campagna.

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee