Lettere aperte per Strade da Amare

ImageLibretto che raccoglie lettere aperte di bolognesi illustri come Antonio Faeti, Pierluigi Cervellati, Vittorio Giardino, Daniela Comastri Montanari, Giovanni Gordini, Roberto Roversi, Luca Corsolini, Carlo Di Palma, Dario Melossi, Franco Foschi, Anonietta Laterza e Mario Rebeschini.  

In questo piccolo libro si parla dei bambini di via Fondazza e della paura di incontrare un volto amato in un luogo teatro di incidente stradale, si parla di sentieri che portano alla Luna e dei limiti di velocità della vita, di una porta del paradiso che si apriva in via Romagnoli e di un viale rossoblu "Campioni del 64" che prima o poi troveremo sulle mappe della città. Si parla di strade amare e di strade da amare, di strade maestre e di strade perdute dove sfrecciano gli Schumacher in sedicesimo. Si parla della Cirenaica e dell'accademia fumettistica di via
Orfeo. Le "lettere aperte", scritte con gli occhi del pedagogista, dell'urbanista, del poeta, del medico, del fumettista, della scrittrice, del sociologo, dello sportivo,
del vigile sono "messaggi in bottiglia", inviati ai bolognesi con la speranza di farli riflettere sulla necessità di riportare la civiltà sulle strade.

Alla pubblicazione delle "lettere aperte" hanno collaborato l'Azienda USL Città di Bologna e la Coop Adriadca.

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee