ACQUAinBO: conoscere per tutelare!

  • Stampa

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua piazza dei Martiri si è accesa questa mattina di forme e colori: sono le iniziative di AcquaInBo, finanziato con la campagna “Io sì” di Coop Alleanza 3.0 e promosso da Centro Antartide che ha visto i ragazzi della scuola secondaria Irnerio presenti presso il punto vendita e in tutta la piazza in qualità di sensibilizzatori e di artisti per un’insolita campagna di guerrilla marketing sul tema dell’inquinamento da plastiche (e non solo) delle acque

Lo sapevate che anche una corretta gestione dei rifiuti domestici può aiutare a salvaguardare la qualità dell’acqua? E che anche se abbandoniamo della plastica nell’ambiente, qui, a Bologna, può rapidamente prendere la strada del mare e arrivare a danneggiare pesci e altri animali acquatici? E che queste particelle di plastica, alla fine, rischiamo di ingerirle anche noi quando mangiamo pesce e simili?
Di questi e altri temi hanno chiacchierato i ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Irnerio” dell’Istituto Comprensivo 6 di Bologna questa mattina con i passanti e i clienti che entravano e uscivano dal punto vendita Coop Allenza 3.0 di piazza dei Martiri. Un punto informativo con la distribuzione di segnalibri con consigli e informazioni realizzati dai ragazzi (e anche la possibilità di osservare al microscopio l’acqua del territorio guidati da questi giovanissimi water manager!) ha accompagnato una più ampia e colorata azione di guerrilla marketing: pesci e altre forme sono state disegnate dagli studenti attorno ai tombini della zona e alla fontana per ricordare lo stretto rapporto tra produzione e gestione dei rifiuti e qualità dell’acqua. Con un suggestivo messaggio: “Qui comincia il mare”.
Sono le azioni organizzate in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua nell’ambito del progetto ACQUAinBO: CONOSCERE PER TUTELARE, presentato dal Consiglio di Zona soci Bologna Centro di Coop Allenza 3.0 e fi¬nanziato con la campagna “Io sì” di Coop Alleanza 3.0, promosso dal Centro Antartide con la collaborazione delle Scuole Secondarie di I grado “Zappa” – IC15e “Irnerio” – IC 6, i Centri sociali per anziani Croce Coperta e Della Pace, la Consulta per l'Escursionismo dell’Area Metropolitana di Bologna e il Consorzio della Chiusa di Casalecchio e del Canale di Reno.
Al centro dell’iniziativa e di tutto il progetto il tema della qualità dell’acqua e dei comportamenti individuali che possono contribuire a tutelarla oltre che a risparmiarla. La qualità delle risorse idriche è infatti fondamentale per l’equilibrio ecologico di un territorio. La cura e la gestione dei corsi d’acqua, nonché la loro salvaguardia, sono tra i pilastri dello sviluppo sostenibile. È importante avere piena consapevolezza degli elementi dannosi, e delle azioni che si possono mettere in campo per prevenire o ridurre i danni. I ragazzi delle scuole medie sono stati in questi mesi i protagonisti del progetto, prima approfondendo questi temi a scuola poi organizzando iniziative di sensibilizzazione per arrivare a coinvolgere l’intera comunità scolastica, e non solo, in azioni di conoscenza e tutela delle risorse idriche in città partendo dall’abbandono dei rifiuti in plastica e del loro impatto sul mare a cominciare dai corsi d’acqua. Si stanno svolgendo sul territorio azioni di monitoraggio e pulizia accanto alle azioni di divulgazione come quella di oggi.