Bologna Civic Hackathon

Si è concluso martedì 6 febbraio presso HerAcademy il secondo Civic Hackathon di Bologna promosso nel contesto del Premio Bologna Città Civile e Bella: 8 i team che  da Bologna e da tutta Italia hanno partecipato presentando idee e progetti di tecnologie e piattaforme legate all'economia circolare.
Ultima giornata di lavori per il Civic Hackathon di Bologna, alla sua seconda edizione, che è ormai parte integrante del Premio Bologna Città Civile e Bella promosso dal Centro Antartide con il supporto di Hera, la media partnership de Il Resto del Carlino, la collaborazione di TIM Wcap Bologna e il patrocinio del Comune di Bologna. Quest'anno i team erano stati invitati a presentare proposte tecnologie legate al tema dell'Economia Circolare: dalla mattina fino al momento dei pitch finali, presentati davanti a una giuria composta da rappresentanti di tutti i promotori, hanno lavorato agli ultimi dettagli dei progetti 8 team proveniente da Bologna, Trento, Cagliari, Torino. Grande impegno in particolare degli studenti dell'Istituto Aldini Valeriani che si sono cimentati nella proposta di tre differenti App mettendosi in gara con sviluppatori e team esperti.

Sono otto quindi i progetti presentati che insistono su diversi aspetti dell'economia circolare: da Sfridoo e Wastly, progetti orientati allo scambio di materiale di scarto e di Sottoprodotti tra imprese che possano trasformare i rifiuti in risorse per la propria produzione, a Voloo una speciale applicazione dedicata in particolare ai giovani per metterli in contatto diretto con le associazioni di volontariato che si occupano di economia circolare per metterli in condizione di partecipare con il loro tempo e le loro competenze, in maniera veloce e informale, alle attività di rilevanza sociale del territorio. E ancora BrigTheFood, una piattaforma dedicata al recupero organizzato delle eccedenze alimentari in ottica di solidarietà, LeBanc per la condivisione circolare di competenze per l'insegnamento e l'apprendimento, Mercato Circolare che mette in rete soggetti e associazioni che si occupano di mercato circolare in città. Anche gli abitanti del Cohousing Porto 15 di Bologna si sono messi in gioco presentando la App Social Sharing  dedicata all'organizzazione della gestione di servizi in condivisione tra abitanti di uno stesso vicinato o abitato (lavanderie, auto condivise, bici, spazi comuni). Ultimo progetto, NetUrbino, proposto dai ragazzi delle Aldini, ha proposto un modello per il dialogo con l'intelligenza artificiale per ottenere indicazioni e suggerimenti per il riuso e lo smaltimento dei rifiuti.

Hanno partecipato ai lavori della giuria Salvo Molè, Direttore Centrale Innovazione del Gruppo Hera, Giuseppe Gagliano Direttore Centrale Relazioni esterne del Gruppo Hera,  l'Assessore Susanna Zaccaria del Comune di Bologna, il capocronista de Il Resto del Carlino di Bologna Valerio Baroncini, Marco Lotito di Tim Wcap Bologna e Marco Pollastri Vice Presidente del Centro Antartide. I vincitori saranno annunciati e premiati nell'evento di premiazione in programma per il prossimo martedì 13 febbraio alle ore 17.00 presso la Cappella Farnese di Palazzo D'Accursio, accanto alla premiazione dei progetti vincitori delle altre due categorie del Premio Bologna Città Civile e Bella. 

I vincitori saranno annunciati nell'evento di premiazione in programma per il prossimo 13 febbraio alle 17.00 presso la Cappelal Farnese di Palazzo D'Accursio. 

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee