Secondo Civic Hackathon bolognese

Nel contesto della settima edizione del Premio Bologna Città Civile e Bella promosso dal Centro Antartide di Bologna, con il supporto di Hera, la Media partnership de Il Resto del Carlino, la collaborazione di Tim Working Capital e il patrocinio del Comune di Bologna, il 29 novembre sarà lanciato presso Tim Working Capital il secondo Civic Hackathon bolognese, un contest per gli sviluppatori di ogni età e provenienza per lavorare a tecnologie civiche che promuovano l’innovazione sociale. Focus per il 2017 sarà quello dell’economia circolare: in palio 2.500 euro. Mercoledì 29 novembre alle ore 9,30 presso la sede di TIM#Wcap Accelerator in via Oberdan 22 a Bologna sarà lanciata la seconda edizione del Civic Hackathon bolognese che si inserisce nel Premio Bologna Città Civile e Bella promosso dal Centro Antartide di Bologna, con il supporto di Hera, la Media partnership de Il Resto del Carlino, la collaborazione di Tim WCap e il patrocinio del Comune di Bologna. La call è aperta a sviluppatori di ogni età e formazione che sono invitati a partecipare a un contest per la realizzazione di nuove tecnologie e strumenti digitali, che per quest’anno avrà un focus specifico non solo sull’innovazione sociale e sulla gestione dei beni comuni urbani ma nello specifico sul tema dell’economia circolare. 

L’evento lancio del 29 riunirà promotori, cittadini e sviluppatori nella presentazione e messa a fuoco dei temi che saranno al centro della creazione delle tecnologie civiche di questa edizione. Accanto ai responsabili dell’innovazione del Gruppo Hera, che sostiene il progetto, ci saranno gli esperti dell’Acceleratore Tim, i referenti degli Open Data del Comune di Bologna e un team di “Mentor Civici” provenienti dalla società civile bolognese, disponibili per tutta la mattinata e in tutto l’arco del progetto a aiutare gli sviluppatori a individuare con maggiore precisione, attraverso diversi punti di vista, esigenze e caratteristiche del territorio bolognese. L’incontro si aprirà anche con le brevi presentazioni dei due progetti primi classificati nella scorsa edizione – Freeda e Solidarity BnB. 

Il percorso si svilupperà poi attraverso una tappa intermedia ai primi di gennaio, che coinvolgerà i team in una verifica di metà percorso delle idee sviluppate, per poi concludersi nell’hackathon vero e proprio che si svolgerà tra gli ultimi giorni di gennaio e i primi di febbraio e che culminerà nella presentazione dei progetti e la premiazione, insieme a quella delle altre categorie del Premio bologna Città Civile e Bella, aperte a scuole, gruppi di cittadini e imprese.
Nuovi team potranno decidere di partecipare in qualsiasi momento del percorso fino all’hackathon finale: in palio per il team che svilupperà il miglior progetto un premio in denaro di 2.500 euro per lo sviluppo dell’idea, la cui proprietà intellettuale resterà in ogni caso agli sviluppatori, e attività di mentorship per arrivare a una versione beta del prodotto il cui utilizzo sarà sperimentato proprio dalla comunità bolognese.

Il Premio Bologna Città Civile e Bella si svolge in parallelo all’hackaton sul territorio bolognese con una call aperta a progetti di innovazione sociale, digitali e analogici, che arrivino dalla città in tutte le sue componenti, scuole, gruppi di cittadini, associazioni e imprese. C’è tempo per candidarsi fino al 15 gennaio.

L'iniziativa è promossa dal Centro Antartide con il contributo di HERA, il supporto di TIM #Wcap Accelerator, il patrocinio del Comune di Bologna e la media partnership de Il Resto del Carlino.

EVENTO FACEBOOK

Iscrizione su EventBrite

PROGRAMMA


Ore 9.30
Benvenuto e presentazione a cura del Centro Antartide
Interventi di Freeda e Solidarity BnB via Skype
Ore 10.00
Lancio del tema e saluto di Salvo Molè – Direttore Centrale Innovazione Gruppo Hera

Intervento di Marco Lotito e Marco Munzio dell’Acceleratore TIM #WCAP
Intervento di Michele Dalena e Simone Bordoni – Comune di Bologna/Open Data

Ore 10.30
I Mentor Tecnici
• Alessio ed Alberico Tremigliozzi - RE2N
• Michelangelo Altamor e - XCAmp
I Mentor Civici
• Simona Manzone, Re Use With Love
• Francesca Giosa, Leila – La biblioteca degli oggetti
• Nino Iorfino, Social Street – gruppo Riuso
• Annabella Losco, Boutique del Riciclo Solidale
• Agathe Gillet, Mom Approved
• Luigi Nardacchione, Social Street Italia (da confermare)

Ore 11.30
Tavoli di approfondimento sviluppatori – mentor

Ore 12.00 saluto ed eventuale pomeriggio di lavoro con i mentor per i team.

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee