Regolamento per l'amministrazione condivisa e Forum PA 2014

Il “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani”, nato nel contesto del progetto “Le città come beni comuni” e presentato a Bologna nel convegno del 22 febbraio, è stato approvato lunedì 19 maggio dal Consiglio Comunale di Bologna, dopo l’approvazione nei nove consigli di Quartiere che si è svolta negli scorsi mesi. A seguito del percorso che grazie all’attività del Centro Antartide ha coinvolto nuovi e vecchi cittadini attivi sul territorio bolognese, si giunge così al passaggio di approvazione ufficiale, con pochi astenuti e nessun voto contrario.

L’Assessore alla Cittadinanza Attiva Luca Rizzo Nervo commenta come sia “forse uno dei provvedimenti passati con una più largo consenso consiliare dall’inizio del mandato. Segno che il principio di sussidiarietà, la scommessa sull’efficacia della autonoma iniziativa dei cittadini, l’amministrazione condivisa come modo normale e non episodico di amministrare e l’esigenza di un nuovo ruolo favorente della PA, divengono patrimonio sempre più condiviso”. Prosegue Rizzo Nervo: “Sono particolarmente orgoglioso del percorso che ci ha portato fin qui e del suo esito. Ringrazio tutti i consiglieri comunali, i presidenti e i consiglieri di quartiere, tutti i dirigenti e i funzionari dell’Amministrazione Comunale che hanno accettato questa sfida (su tutti Donato Di Memmo e Anna Rita Iannucci) e soprattutto i cittadini che, pur in questa stagione di disillusione e di fatica, stanno rispondendo positivamente a questa sfida, già proponendoci patti di collaborazione e progetti”. Una risposta che anche il Centro Antartide ha collaborato a stimolare ed indirizzare, grazie ai percorsi di coinvolgimento dei cittadini attivati sul territorio: daranno proprio queste attività l’oggetto dell’intervento che il Centro Antartide terrà a Roma il prossimo 27 maggio in occasione del Forum PA 2014, nel contesto dell’evento “Coinvolgere i cittadini e co-creare soluzioni: modelli e pratiche a confronto”
“Ora viene il difficile” conclude nel suo commento l’assessore: “bisogna essere all’altezza di questa ambizione che abbiamo stimolato e non lasciarla sulla carta o, peggio, delusa. Ma la strada è tracciata“. Il regolamento entra così nella sua fase operativa, e comincia, come da testo approvato, il primo periodo di rodaggio e sperimentazione del suo funzionamento.

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee