L’Italia dei beni comuni

L'Italia dei beni comuni
Cittadini attivi, sussidiarietà, strategia anti-crisi; ma anche sviluppo urbano sostenibile, rilancio del capitale sociale e partecipazione. Questo e tanto altro sta dentro al tema dei beni comuni, al centro dell’ultimo volume a cura di Labsus, che sarà presentato a Bologna. Gregorio Arena e Christian Iaione (autori del libro e rispettivamente presidente e direttore di Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà) saranno il 7 febbraio, alle ore 18.00, presso la Libreria Coop Ambasciatori  per parlare de “L’italia dei beni comuni” (Carocci editore), insieme a Giuseppina Gualtieri, Adriano Turrini, e Fanny Cappello.

Il libro dà voce e volto a quell’Italia che non si vede ma che da anni migliora la qualità della vita di tutti prendendosi cura dei “beni comuni”. Acqua, aria, ambiente, beni culturali, infrastrutture, spazi urbani e verde, legalità e molti altri simili: beni né privati (di singoli) né pubblici (dello Stato) , ma di tutti. Risorse arricchendo le quali si arricchisce la vita di tutta la comunità, e danneggiando i quali si rischia di fare danni a tutti quanti, nessuno escluso. Dietro la definizione stessa sta l’invito a prendersene cura tutti, non tanto per altruismo o filantropia, ma proprio per continuare a godere di standard di vita degni di un paese civile.

Il volume segue la necessaria duplice impostazione di questa delicata tematica: da un lato lo studio e l’approfondimento, con i contributi teorici dei sociologi Carlo Dondolo e Giuseppe Cotturri, dell’economista Maurizio Franzini, oltre che degli autori Gregorio Arena e Christian Iaioneche concludono la prima parte con due saggi dal taglio gius-pubblicistico. Dall’altro il racconto dei risultati della sperimentazione, applicazione e diffusione delle pratiche sul campo del progetto di educazione non formale alla cura civica dei beni comuni svolto nell'anno scolastico 2010-11 in due licei romani, denominato "Rock your school" – Scuola di manutenzione civica dei beni comuni (www.rockyourschool.org).

"Il libro - spiegano gli autori - è stato scritto per invogliare a prendersi cura dei beni comuni, applicando il principio di sussidiarietà. Perché per affrontare la crisi abbiamo bisogno di tanti cittadini attivi, ciascuno dei quali si assuma la propria parte di responsabilità nei confronti dei beni comuni". Una necessità particolarmente sentita anche dalla città di Bologna, la cui amministrazione ha negli ultimi tempi sottolineato pubblicamente la volontà a sollecitare e facilitare dinamiche di cittadinanza attiva e di cura condivisa dei beni comuni, e che proprio con Labsus e con il Centro Antartide sta avviando una sperimentazione in questo senso.  Anche alla luce di questo la presentazione avverrà attraverso una chiacchierata con alcuni dei tanti che hanno a cuore lo sviluppo della gestione dei beni comuni in città: da Giuseppina Gualtieri, Presidente di Tper, ad Adriano Turrini, Presidente di Coop Adriatica e la professoressa Fanny Cappello, del Centro Antartide, che farà da moderatrice d’eccezione.

La presentazione è organizzata dal  Centro Antartide di Bologna con la collaborazione di Labsus e della Libreria Coop Ambasciatori nel contesto del progetto bolognese “La città civile”, per il rilancio del senso civico in città: l’ingresso è gratuito.

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee