E' partita "La primavera del rispetto" bolognese

Distribuiti in Piazza Maggiore, in 50 scuole e in altri luoghi pubblici 20 mila gladioli per coltivare la città civile. L’iniziativa è stata realizzata con il contributo della Fondazione del Monte

Il dono dei bulbi di gladiolo è il primo di una serie di eventi che vedono protagoniste le scuole bolognesi a conclusione di attività didattiche dedicate all'educazione civica. Un progetto in cui il poeta Roberto Roversi ha "percepito l'aria, il vento delle emozioni e delle occasioni non deluse di un tempo”. Gli eventi daranno l'opportunità alla città di riflettere e, possibilmente, di cambiare. In gentilezza. In civiltà.

Nel linguaggio dei fiori il gladiolo è il simbolo del rispetto. Come un bulbo ha bisogno di terra ed acqua per diventare un fiore, così il rispetto per diventare un’abitudine quotidiana ha bisogno di mettere radici dentro di noi. Da qui l'idea di donare, nelle scuole e in altri luoghi pubblici della città, 20.000 bulbi di gladiolo. Perché ognuno si trasformi in “giardiniere di civiltà” e porti il suo contributo alla costruzione di una società che affondi le sue radici nella cortesia e nella gentilezza reciproca come abitudine quotidiana.

I bulbi sono stati distribuiti in Piazza Maggiore e in cinquanta scuole elementari della città. Al mercato della Barca a distribuire i bulbi di gladiolo c’erano i ragazzi delle scuole Dozza e Cesana. Nell’Ospedale Maggiore la distribuzione è stata curata dal Circolo Il Ravone.

Per confezionare i bulbi sono stati riutilizzati i pacchettini con cui giunge il pane nelle mense scolastiche, una scelta simbolica per dire che i rifiuti sono una risorsa da riciclare. La città civile è anche questo.

Bologna, un tempo capitale del senso civico, oggi ha perso parte della sua identità. La percezione diffusa è che tanti non vivono un senso di appartenenza, si sentono estranei, più che abitare la città la consumano ignorando le regole del vivere civile. Eppure basta poco per contrapporre la cortesia alla maleducazione, la bellezza al degrado, l'attenzione verso il prossimo all'individualismo che rende tutti più soli e insicuri. Bastano piccole azioni per sentirsi davvero parte di una comunità: un sorriso inatteso, un gesto di cortesia sull'autobus o in fila ad uno sportello, un semplice grazie.

L’iniziativa “La primavera del rispetto” è stata realizzata grazie al sostegno della Fondazione del Monte. Promotori: Centro Antartide, Comune e Ausl di Bologna, Coop Adriatica, Avola coop, Legacoop, Manutencoop, Quartiere Savena, Quartiere Saragozza, Biblioteca dell’Archiginnasio, Infea Regione Emilia-Romagna, Ancescao, Cgil, Cisl, Uil con il patrocinio dell’Università di Bologna, della Regione Emilia-Romagna e dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna.

Newsletter

Per essere sempre informato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Le nostre reti

I siti dei nostri progetti

 

 

Consumabile vacanze coi fiocchi forum risparmio idrico wataclicsiamo tutti pedoniambiente si laureala città civilefrequenze sostenibilipellicole per l'ambientegreen nightEcosistemi mobiliItalia ti voglio beneTheory & Practise: Sustainable use of water - A European Challengee